News

Archivio news

Sei il visitatore n°

81310

Seminario "LA FINANZA LOCALE NELLA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA 2010 – 2013, lo stato di attuazione della legge 42/2009 sul federalismo fiscale e l’ordinamento degli enti locali ( A.S. 2259 )"

Docenti

Dott. Francesco Delfino, Ministero dell'Economia e delle Finanze - Componente Commissione Tecnica paritetica sul federalismo fiscale. Esperto di finanza pubblica presso la Corte dei Conti e l'UPI (Unione Province d'Italia) - Già Direttore Generale della Provincia di Prato.

Il programma

La manovra di finanza pubblica 2010 – 2013  e l’impatto sui bilanci degli enti locali:

Misure di stabilizzazione della finanza pubblica e per la competitività – Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;
-    Aspetti relativi alla spesa del personale: Programmazione e contenimento della spesa in riferimento alla manovra di finanza pubblica;
-    Gli indicatori della spesa di personale: costruzione e monitoraggio;
-    La spesa di personale nel bilancio 2011;
-    Aspetti riguardanti la spesa per la contrattazione integrativa decentrata: il controllo dell’andamento e i vincoli di finanza pubblica;
-    La programmazione della spesa di personale e gli assetti organizzativi;
-    La programmazione della spesa di personale e l’applicazione del D. Lgs. 150/2009;
-    L’attività consultiva della Corte dei Conti in materia di personale e i questionari sul bilancio e sul rendiconto;
-    Economie negli Organi costituzionali, di governo e negli apparati politici;
-    Riduzione dei costi degli apparati amministrativi;
-    Razionalizzazione della spesa corrente e altri interventi sulle entrate e sulle spese;
-    L’impatto della manovra sugli equilibri del bilancio 2011 e pluriennale 2011 – 2013;
La legge di stabilità 2011
-    Fondo per accelerare i pagamenti dei comuni
-    Determinazione dell’obiettivo di saldo finanziario di Province e Comuni ai fini del patto di stabilità interno. Periodo 2011 - 2013
-    Obiettivo strutturale del patto di stabilità interno a decorrere dal 2011
-    Attenuazione,  per il solo anno 2011,  della differenza tra obiettivo di patto determinato in base alla normativa precedente rispetto a quello risultante dalla nuova disciplina
-    Misure correttive del patto di stabilità per il solo anno 2011
-    Esclusioni ai fini del patto di stabilità
-    Bilancio di previsione degli enti locali: coerenza delle previsioni rispetto alle regole del patto di stabilità
-    Controllo della dinamica di crescita del debito per investimenti degli enti locali
-    Liquidazione delle società costituite dai comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti
-    Deroga al limite del 20 per cento per le assunzioni di personale negli enti locali in riferimento alla funzione fondamentale di polizia locale
-    Sanzioni in caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno
-    Premialità agli enti locali mediante riduzione degli obiettivi annuali del patto di stabilità
-    Intervento della Regione per la rimodulazione del saldo programmatico degli enti locali del proprio territorio ai fini del patto di stabilità
Il nuovo patto di stabilità 2011 – 2013,  il taglio ai trasferimenti erariali e il controllo del debito degli enti locali
-    Patto di stabilità interno 2011 – 2013: nuove regole e impatto sulla programmazione e sul bilancio 2011;
-    Spese in conto capitale: programmazione in termini di competenza e di cassa;
-    La tempestività dei pagamenti nella pubblica amministrazione locale – Direttiva Comunitaria 2000/35/CE; D. Lgs.  9 ottobre 2002, n. 231; Art. 9 L. 102/2009;
-    Il controllo dell’indebitamento per il finanziamento degli investimenti in base alla legge di stabilità 2011;
-    La riduzione dei trasferimenti erariali e gli equilibri del bilancio 2011 e pluriennale 2011 – 2013;
Quadro normativo sulla manovra di finanza pubblica e l’ordinamento degli enti locali
-    I provvedimenti relativi alla manovra di finanza pubblica, dalla legge 133/08 al D.L. anticrisi 78/09 convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. 102 e al D.L. 78/2010 – linee direttrici;
-    Legge finanziaria 2010 – Legge 23 dicembre 2009, n. 191;
-    Il D.L. 25 gennaio 2010, n. 2  recante “ Interventi urgenti concernenti enti locali e regioni” convertito dalla legge 26 marzo 2010, n. 42;
-    La legge di stabilità 2011;
-    La legge 31 dicembre 2009, n. 196 recante  “Legge di contabilità e finanza pubblica”;
-    La legge 5 maggio 2009, n. 42;
-    La carta delle autonomie (Atto Senato 2259);
L’attuazione del federalismo fiscale: inquadramento di carattere generale
-    I decreti attuativi del federalismo fiscale: federalismo demaniale (D. Lgs. 28 maggio 2010, n. 85), fabbisogni standard, autonomia tributaria delle Regioni e degli enti locali, decreto su premi e sanzioni;
-    L’armonizzazione dei sistemi contabili: prospettive di cambiamento degli schemi di bilancio e della contabilità degli enti locali (art. 2, lettera h), legge 5 maggio 2009, n. 42)
 

Sede

Il seminario si terrà il giorno giovedì 03 FEBBRAIO 2011 presso la nuova sede dell’Unione Valdera, in via Brigate Partigiane n. 4 a Pontedera con il seguente orario:
-  la mattina dalle ore 9,30 alle ore 13,30
-  il pomeriggio dalle ore 14,30 alle ore 16.30

Dalle 9,00 alle 9,30 sarà attivo il servizio di accoglienza dei partecipanti (registrazione, consegna materiale, ecc.). Dopo le ore 9,30 non sarà più possibile registrarsi per permettere al personale dedito all’accoglienza di presenziare in aula e supportare il docente durante la lezione.
 

Coloro che intendono iscriversi devono compilare l’apposito modulo  entro e non oltre mercoledì 26 gennaio e inviarlo via e-mail all’indirizzo di posta elettronica  formazione@unione.valdera.pi.it  oppure via fax al n. 0587/292771.


Note:
 Avranno priorità le iscrizioni presentate dai Comuni aderenti alla convenzione “Formazione Associata” per il proprio personale dipendente e pervenute entro il 26 gennaio .

 

 

Materiale didattico




UNIONE VALDERA ~ Agenzia Formativa Accreditata Sistema Gestione Qualit� ~ UNI EN ISO 9001:2008 ~ Cert. n. 005435